Regolamento Interno

REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DELL’ASSOCIAZIONE PUNTO E A CAPO

Il presente regolamento interno, disciplina l’attività dell’Associazione, l’operato dei responsabili e il comportamento dei soci.

Articolo 1 – Quote associative

1. La somma della quota d’iscrizione annuale, delle eventuali quote periodiche e i termini di versamento vengono stabiliti annualmente dal Consiglio Direttivo.
2. Il mancato versamento della quota d’iscrizione annuale fa decadere il diritto di voto.

Articolo 2 – Soci

1. Ogni socio ha il dovere:
a) di mantenere il segreto professionale in merito alle attività svolte dall’Associazione;
b) di astenersi da comportamenti che possono ledere i principi dell’Associazione e di astenersi da ogni iniziativa, attività o manifestazione che sotto qualsiasi forma, diretta o indiretta, persegua scopi di propaganda politica;
c) di aver cura dei mezzi e delle attrezzature messi a disposizione dall’Associazione.
2. Ogni socio ha il diritto:
a) di proporre modifiche al regolamento interno con relazione scritta indirizzata al Presidente, che l’esaminerà con il Consiglio Direttivo;
b) di presentare rimostranze al Consiglio Direttivo nel caso in cui si ritenesse leso nei propri diritti o fatto oggetto di comportamento scorretto.
3. Ciascun membro dell’Associazione che ha diritto al voto nell’Assemblea dei soci può rappresentare per delega al massimo un socio maggiorenne. Ogni associato avente diritto di voto può farsi rappresentare da altro associato mediante delega scritta. Ogni delegato non può essere portatore di più di una delega. Spetta al Presidente dell’Assemblea constatare la regolarità delle deleghe ed in genere il diritto di intervento all’Assemblea. Non è ammesso il voto per corrispondenza.

Articolo 3 – Adesione all’associazione
1. Coloro che intendono entrare a far parte dell’Associazione devono presentare una domanda indirizzata al Presidente utilizzando modulo cartaceo fornito dall’Associazione o utilizzando apposito modulo sul sito istituzionale dell’associazione.
2. Il Consiglio Direttivo valuta la candidatura e delibera sull’ammissibilità della domanda, predisponendo un eventuale incontro con l’aspirante socio. In caso di parere favorevole, quest’ultimo viene ammesso nell’Associazione e a portare il suo contributo, prendendo altresì visione dei regolamenti ed osservando le disposizioni emanate dal Presidente o dal Consiglio Direttivo nell’ambito dei loro poteri. Il Consiglio Direttivo delibera sull’ammissione del nuovo socio secondo quanto stabilito dall’articolo 5 dello statuto e previo accertamento della serietà dell’intento del richiedente di contribuire alla realizzazione del progetto associativo, desunta principalmente dall’assenza di finalità contrastanti con quelle statutarie.

3. Le ammissioni sono di esclusiva competenza del Consiglio Direttivo, che prende le opportune deliberazioni a maggioranza. Le deliberazioni sull’ammissione di nuovi soci sono inappellabili.

4. Nel caso di ingresso di nuovi soci, il versamento della quota dovrà avvenire contestualmente all’iscrizione.

Articolo 4 – Assemblea ordinaria

1. Nei casi di voto segreto, l’Assemblea provvede a nominare due scrutatori con l’incarico di contare i voti ed esporre il risultato.
2. Per le elezioni delle cariche sociali, al momento della registrazione dell’Assemblea, il Segretario raccoglie le candidature. Nel caso di più candidature per una stessa carica, l’Assemblea procede alla verifica della possibilità di una convergenza unanime dei soci su uno dei candidati. Nel caso di impossibilità a raggiungere tale condizione, si procede all’elezione con voto segreto a doppio turno.

3. L’elezione delle cariche sociali avviene con voto segreto.

Articolo 5 – Consiglio Direttivo

1. Al Consiglio Direttivo partecipano:
a) i membri del Consiglio stesso;
2. Le persone esterne all’Associazione non possono partecipare allo svolgimento delle votazioni.
Articolo 6 – Adunanze del Consiglio Direttivo
1. La convocazione del Consiglio Direttivo può avvenire tramite posta elettronica con conferma di lettura, messaggi su app smartphone
2. Le riunioni del Consiglio avvengono, di norma, con la presenza fisica dei consiglieri adunati. In caso di necessità, potranno comunque essere utilizzati strumenti telematici, a patto che sia garantito il numero legale della maggioranza dei componenti del Consiglio e che siano rispettate le proporzioni per le delibere. 3. Nei casi di impedimento o di impossibilità a partecipare alle riunioni del Consiglio non è possibile delegare un altro Consigliere.
4. Tutti i membri debbono partecipare alle riunioni del Consiglio e in caso di assenza devono giustificarsi con anticipo.
5. Il Consiglio Direttivo ha facoltà di diffidare il consigliere che abbia accumulato più di tre assenze ingiustificate, anche non continuative, per anno di gestione. Il reiterarsi dell’infrazione, anche per una sola ulteriore assenza ingiustificata alle adunanze, attribuisce al Consiglio Direttivo la facoltà di procedere alla
radiazione dall’incarico, fermi restando gli obblighi finanziari assunti precedentemente. In tal caso il Consiglio surroga il Consigliere con il primo dei non eletti.
6. Il Consiglio Direttivo procede alla verifica della possibilità di una convergenza unanime dei consiglieri sulle decisioni da prendere.
7. Le decisioni vengono prese mediante:
a) votazione palese;
b) votazione segreta;
c) voto elettronico, salvo i casi per i quali sia necessaria una discussione preliminare che preveda la presenza fisica dei consiglieri.
8. I membri del Consiglio, consapevoli della serietà delle riunioni, sono tenuti a non divulgare notizie e fatti emersi. Questo divieto vale per tutte le persone eventualmente presenti.

Articolo 7 – Modalità di riunione e votazione elettronica del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea dei Soci
1. I metodi di votazione e le eventuali regole specifiche vengono approvati con delibera del Consiglio Direttivo, che dopo opportuna sperimentazione procederà alla trasformazione della delibera in articoli di regolamento.
2. Viene istituita una bacheca elettronica, che consente agli organi della associazione ed ai soci di effettuare le comunicazioni ufficiali. La bacheca elettronica ha la funzione di pubblicazione degli atti o avvisi presso la sede. Potranno essere presenti aree pubbliche e riservate, a seconda delle necessità. Le aree vengono istituite con decisione del Consiglio Direttivo.
3. Nel caso esistano persone aventi diritto che non possano accedere alla bacheca elettronica, dovranno essere attivate altre forme di comunicazione parallele per assicurare la partecipazione e l’informazione di tutti.
4. Gli aventi diritto verranno informati della pubblicazione di documenti nella bacheca elettronica tramite posta elettronica o altro metodo.
5. Le modalità di votazione elettronica devono esprimere il voto in modo non ambiguo, assicurare l’identità del votante e consentire l’archiviazione dei voti. Sono esclusi dalla archiviazione le modalità di votazione/riunione realizzate in video/audio conferenza, le quali vengono assimilate alla presenza fisica dell’interessato nel luogo della riunione stessa.
6. La votazione è valida se non vengono espressi veti tra gli aventi diritto. Ogni avente diritto al voto può esercitare il veto e rimandare la discussione in Consiglio Direttivo o Assemblea, adunati in modalità non telematica.
7. La procedura elettronica di votazione può essere utilizzata anche per l’approvazione dei verbali.
8. I documenti su cui si richiede votazione/approvazione devono essere inviati non meno di 5 gg., lavorativi prima della votazione.
9. La data di scadenza della votazione deve essere fissata almeno con 7 giorni lavorativi in anticipo.
10. Sul ricevimento dei messaggi faranno fede le Conferme di Lettura, e non quelle di ricevimento del messaggio.
11. A chiusura della votazione, il segretario (o l’incaricato della votazione) pubblicherà, nelle modalità stabilite, un documento di sintesi, che costituirà parte integrante del verbale, contenente tutta la documentazione, i messaggi di risposta, le conferme di lettura, il risultato della votazione, la decisione
presa.
12. Tutte le documentazioni relative alle votazioni elettroniche dovranno essere accessibili via internet.
13. La convocazione della riunione elettronica contiene:
a) la data, l’ora, dell’inizio della riunione;
b) la data e l’ora entro cui viene chiusa la votazione (questo termine deve essere fissato in modo da consentire a tutti di votare);
c) l’ordine del giorno e tutti i documenti necessari alla completa costruzione del contesto o i link ai documenti archiviati o disponibili via internet. L’ordine del giorno deve essere inserito nel corpo della mail di convocazione e non come allegato.
14. La votazione avviene rispondendo alla mail di convocazione.

15. Nella risposta deve essere scritto chiaramente APPROVO, RIFIUTO, MI ASTENGO indicando in modo chiaro la mozione a cui si riferisce il voto ed eventualmente il punto all’ordine del giorno.
16. Per facilitare la lettura, il proprio voto deve essere inserito con lettere MAIUSCOLE all’inizio del periodo.

17. Nel caso venga fatto riferimento a fatti, discussioni, conversazioni, documenti o eventi (da ora in avanti “temi”), di cui esista una documentazione (scritta o in altre forme) accessibile a tutti gli interessati, deve essere riportata la sintesi e tutti i riferimenti (link o allegati) necessari alla comprensione.

18. Nel caso venga fatto riferimento a “temi” di cui non esista registrazione scritta o sotto altre forme, il tema deve essere descritto in dettaglio, evitando riferimenti ad altri temi che non siano descritti in dettaglio nel documento o che non possano essere accessibili ai destinatari.
19. I materiali e le documentazioni elettroniche devono essere rese disponibili in internet in un’area opportunamente protetta.
20. I giorni considerati validi sono da considerarsi giorni lavorativi effettivi, quindi esclusi sabati, domeniche e festivi.
Articolo 8 – Rappresentanza
1. Eventuali poteri di rappresentanza e quindi di capacità di agire in nome dell’Associazione potranno essere estesi anche a consulenti esterni all’Associazione, previa deliberazione del Consiglio Direttivo.
Articolo 9 – Sanzioni disciplinari
1. La competenza in caso di applicazione di sanzioni disciplinari a carico dei collaboratori e/o dipendenti spetta esclusivamente al Consiglio Direttivo. Il collaboratore che si rende responsabile di infrazioni disciplinari potrà essere ammonito, sottoposto a sanzione amministrativa, sospeso dall’incarico ad insindacabile giudizio del Consiglio Direttivo, tenuto conto della gravità del fatto o atto compiuto.
2. La competenza in caso di applicazione di sanzioni disciplinari a carico dei soci spetta esclusivamente all’Assemblea convocata in seduta straordinaria su richiesta del Consiglio Direttivo. L’associato che non osserva lo Statuto, il Regolamento e le altre eventuali disposizioni emanate dal Presidente o dal Consiglio Direttivo o che si rende responsabile di infrazioni disciplinari potrà essere ammonito, sottoposto a sanzione amministrativa, sospeso dai diritti di associato o escluso dall’Associazione stessa ad insindacabile giudizio dell’Assemblea dei soci, tenuto conto della gravità del fatto o atto compiuto. Articolo 10 – Presidente
1. Il Presidente ha i seguenti compiti e responsabilità:
a) ha la legale rappresentanza dell’associazione con tutti i poteri di ordinaria amministrazione;
b) convoca e presiede il Consiglio Direttivo, l’assemblea e, qualora sia istituito, il comitato scientifico;
c) provvede all’attuazione delle delibere dell’assemblea e del Consiglio Direttivo e cura i rapporti con le autorità, le pubbliche amministrazioni e, più in generale, con l’esterno;
d) ha la firma sociale, sottoscrive gli atti e, quando occorre per lo svolgimento delle attività e delle iniziative che vengono deliberate, sorveglia il buon andamento dell’associazione.
e) gestisce la corrispondenza ordinaria;

f) cura l’osservanza dello statuto e ne promuove la riforma qualora si renda necessario.

g) adotta in caso di urgenza ogni provvedimento opportuno, nei limiti di quanto stabilito nello Statuto, sottoponendolo a ratifica del Consiglio Direttivo.
2. In caso di assenza o di impedimento del Presidente, ne fa le veci il Vice Presidente in carica.
3. Il Presidente dispone di un fondo cassa, che viene deliberato dal Consiglio Direttivo e sottoposto a rendicontazione.
Articolo 11 – Segretario del Consiglio Direttivo
1. Il Segretario del Consiglio Direttivo ha il compito di svolgere tutti gli adempimenti amministrativi e di comunicazione. In particolare:
a) provvede all’aggiornamento dell’elenco dei soci;
b) redige i verbali del Consiglio Direttivo;
c) è responsabile dell’ordine degli atti d’ufficio che vengono custoditi in sede;
d) cura e gestisce la distribuzione delle comunicazioni alle varie figure istituzionali;
e) soprintende e vigila sull’osservanza, da parte degli utenti, di standard e procedure comuni nell’inserimento dei dati sul sito web.
2. Nell’espletamento del proprio incarico, il Segretario può essere coadiuvato da soci volontari.
Articolo 12 – Tesoriere
1. Il Tesoriere si occupa della cassa e dei rapporti con le banche, redige la relazione contabile per l’Assemblea e gestisce le entrate e le uscite nonché la contabilità e i rendiconti. Controlla inoltre i costi delle iniziative e ne valuta finanziariamente la fattibilità, confrontandosi con il Consiglio Direttivo.
2. Con cadenza periodica, e comunque non superiore ai sei mesi, il Tesoriere invia al Consiglio Direttivo un rendiconto di cassa.
3. Nell’espletamento del proprio incarico, il Tesoriere può essere coadiuvato da soci volontari.
Articolo 13 – Gruppi di lavoro
1. Sulla base di esigenze di funzionamento possono essere costituiti, in seno all’Associazione, gruppi di lavoro designati di volta in volta dal Consiglio Direttivo in base al tipo ed alla qualità del progetto da realizzare.
2. Potranno essere chiamati ad operare in tali gruppi di lavoro anche collaboratori esterni, che verranno selezionati in base alla valutazione del
. I collaboratori esterni dovranno essere ratificati dal Consiglio Direttivo.
3. I gruppi di lavoro:
a) lavorano sulla base di un preciso mandato formulato dal Consiglio Direttivo; b) vengono coordinati da un responsabile di gestione (Coordinatore)
c) i ricercatori che compongono il gruppo di lavoro operano in autonomia, in accordo con le linee definite dall’assemblea.
Articolo 14 – Direzione Gruppo di Lavoro
1. La Direzione del gruppo di lavoro è designata dal Consiglio Direttivo ad ogni nuovo progetto e può comprendere anche soggetti esterni all’Associazione. La Direzione propone al Consiglio Direttivo un Coordinatore e la composizione del gruppo di lavoro. Il Consiglio Direttivo dispone la/le nomine. A seconda dei casi, la Direzione può anche coincidere con la figura del Coordinatore
2. La Direzione del gruppo di lavoro ha i seguenti compiti e responsabilità:
a) ha la rappresentanza dell’Associazione sul progetto;

b) è responsabile della gestione e del risultato finale del progetto;
c) opera per il raggiungimento degli obiettivi della committenza relativamente alle proprie funzioni;
d) collabora con il Presidente nella cura dei rapporti con la committenza;
e) cura la costituzione del gruppo di lavoro, comunicando al Consiglio Direttivo la sua composizione ed ogni eventuale modifica;
f) predispone, in accordo con la committenza e previo confronto con il gruppo di lavoro sul progetto, un programma di attività cadenzate temporalmente cui tutti i soggetti coinvolti sono chiamati a fare riferimento;
g) sovrintende al buon svolgimento delle attività, convocando eventuali incontri di discussione e valutazione con i soggetti interni ed esterni all’Associazione che partecipano al progetto;
h) vigila, coadiuvata dal Presidente, sull’osservanza delle leggi, dello statuto e dei regolamenti;
i) propone al Consiglio Direttivo la sostituzione dei soggetti coinvolti che non dimostrassero un’adeguata professionalità nella gestione del lavoro loro assegnato;
j) assume pro-tempore le funzioni dei soggetti coinvolti che fossero nella condizione di non poter rispettare il proprio impegno di lavoro, assumendosi altresì la responsabilità di individuare e designare dei sostituti in caso di dimissioni;
k) produce e presenta al Consiglio Direttivo delle relazioni periodiche sui bilanci finanziari relativi al progetto e di valutazione sullo stato di andamento del lavoro in relazione al programma concordato, con riferimento al contributo di ogni singolo soggetto coinvolto;
l) propone al Consiglio Direttivo eventuali variazioni al bilancio corredate dalle opportune motivazioni relative sia agli obiettivi e all’impiego, sia ai riflessi sull’equilibrio gestionale che esse comportano;
m) interviene in situazioni di difficoltà ed aiuta a dirimere i possibili disaccordi all’interno del gruppo di lavoro, sottoponendo al Consiglio Direttivo eventuali azioni di risoluzione delle controversie riguardanti la committenza o i singoli ricercatori coinvolti.
Articolo 15 – Coordinatore
1. Il Coordinatore del gruppo di lavoro è designato dal Consiglio Direttivo ad ogni nuovo progetto. Il Coordinatore fa parte della Direzione del gruppo di lavoro e può eventualmente coincidere con essa
2. Il Coordinatore ha i seguenti compiti e responsabilità:
a) coordina il gruppo di lavoro, i cui componenti operano per il raggiungimento dei risultati finali secondo il programma predisposto dalla Direzione scientifica; b) dirige ed organizza il lavoro dei soggetti coinvolti nel progetto, individuando eventuali correzioni;
c) collabora con il Presidente nell’espletamento delle pratiche amministrative e burocratiche relative al progetto;
d) collabora con il Tesoriere alla gestione della contabilità relativa al progetto;
e) mette in rete i risultati, anche parziali, raggiunti nel corso della ricerca, favorendo, anche a livello organizzativo, il lavoro dei singoli ricercatori nominati dal Consiglio Direttivo;

f) sovrintende al buon svolgimento delle attività, convocando eventuali incontri di discussione e valutazione con i ricercatori interni ed esterni all’Associazione che partecipano al progetto;
h) provvede, con i suoi eventuali collaboratori, alla cura e alla gestione dei mezzi messi a disposizione dall’Associazione;

i) svolge riunioni con i soggetti coinvolti con lo scopo di facilitarne i compiti, avendo ben chiare le linee generali di ricerca.
Articolo 16 – Rendicontazione e Rimborsi spese, anticipi e pagamenti per conto dell’Associazione

1. Le rendicontazioni devono essere effettuate su apposita modulistica approvata dal Consiglio Direttivo;
2. Le spese messe a rimborso dovranno essere dettagliate e giustificate e commisurate agli obiettivi. Di norma vengono considerati ammissibili rimborsi spese personali fino al 35% del compenso lordo. Di norma sono considerati ammissibili al rimborso spese (giustificate e comprovate da documentazione valida):

a) spese sostenute per alimentazione e alloggio durante missioni al di fuori del Comune di residenza;
b) Viaggi con autovettura privata, rimborso chilometrico dettagliato e giustificato, calcolati su tabelle ACI, considerando percorrenze non inferiori a 10.000 km annui, salvo altre disposizioni;

c) Viaggi con altri mezzi: comprovanti di viaggio.
d) Ricevute di acquisto materiali.
e) Spese sostenute direttamente riconducibili all’obiettivo dell’incarico.
3. Per usufruire del rimborso spese, gli aventi diritto, dovranno fornire tutti i giustificativi al Coordinatore del progetto compilando l’apposita modulistica. Il coordinatore presenterà quindi la documentazione al Tesoriere per l’effettuazione del pagamento.
4. I Soci o altre persone possono effettuare acquisti o spese a nome dell’Associazione, previa autorizzazione del
Coordinatore, della Direzione del gruppo di lavoro, del Presidente o altra persona incaricata dal Consiglio Direttivo.
Sono considerate spese per conto dell’Associazione le spese comprovate da adeguata documentazione fiscale intestata all’Associazione.
5. Vengono considerati anticipi di spese per conto dell’associazione le spese che vengono effettuate con denaro proprio da persona autorizzata. L’associazione si impegna a restituire la cifra nel più breve tempo possibili. Per ottenere il rimborso degli anticipi effettuati per conto dell’Associazione deve essere presentata idonea documentazione fiscale intestata all’Associazione.

Articolo 17 – Patrimonio dell’Associazione
Il fondo patrimoniale non potrà essere destinato ad altro uso se non a quello per il quale l’Associazione è stata costituita.
Articolo 18 – Uso del logo dell’Associazione
L’uso della sigla, del logo e della carta intestata dell’Associazione è di libero uso degli organi del Consiglio Direttivo e dei Coordinatori dei progetti per le funzioni di loro competenza.
Ogni altro utilizzo da parte dei soci deve essere sottoposto all’approvazione del Presidente.
Articolo 19 – Modifiche al Regolamento

Il presente regolamento è suscettibile di variazioni e/o integrazioni, con deliberazione da parte dell’Assemblea a maggioranza semplice. Compilato dal Consiglio Direttivo.

LAYOUT

SAMPLE COLOR

Please read our documentation file to know how to change colors as you want

BACKGROUND COLOR

BACKGROUND TEXTURE